L'uso degli standard

La collaborazione è alla base del BIM; essa richiede l'adozione e l'uso di un set condiviso di standard. Secondo il 65% degli intervistati del settore, il BIM non è ancora sufficientemente standardizzato. Questa affermazione potrebbe spiegarsi in tre modi differenti:
- la mancanza di adozione degli standard esistenti
- gli standard esistenti non sono adatti allo scopo
- c'è necessità di nuovi standard per coprire le aree non standardizzate.
Gli standard maggiormente utilizzati sono il RIBA Plan of Work 2013 (40%), il PAS 1192-2:2013 (29%) , PAS 1102-3:2014 (23%) e BS 1192:2007 (25%).

Tipi di standard utilizzati

La creazione di progetti

In questa sezione si approfondisce come gli intervistati svolgono il loro lavoro.
Chiedendo che tipo di elaborati e a che livello è stato utilizzato il BIM nei lavori dello scorso anno, si evince che l'80% ha eseguito modelli e disegni in 2D, mentre il 70% ha eseguito modelli 3D. Il dato da mettere forse più in risalto però è che solo il 37% utilizza il modello BIM dall'inizio alla fine del progetto, suggerendo che, per la gran parte, l'uso del BIM è relegato esclusivamente al livello di produzione del progetto. Dato ulteriormente supportato dal 16% di chi trasmette il modello al responsabile della gestione dell'edificio.

Tipologie di modelli BIM usati per i progetti

Per quanto riguarda i software, si riporta la classifica dei primi cinque utilizzati per i disegni di progetto: quello dominante è Autodesk Revit (31%), seguono Archicad (19%), Vectorworks(15%), Autodesk Autocad (12%).

Software BIM più utilizzati

Tipologie di progetti

Sono state richieste le tipologie di edifici progettati lo scorso anno, facendo differenza tra chi ha utilizzato il BIM e chi no. Si evidenzia che la categoria di edifici più progettati da chi non utilizza il BIM è quella delle abitazioni private, mentre quella in cui si progetta di più utilizzando il BIM è quella degli edifici ad uso educativo.
Il BIM viene quindi utilizzato ampiamente in tutti i settori della progettazione, ma in particolar modo nei progetti per il settore pubblico. Si può inoltre affermare che la strategia del Governo di far adottare il BIM nei lavori per il settore pubblico stia funzionando e sta influenzando anche l'adozione del BIM nei progetti per il settore privato.

Tipologie di edifici progettati con e senza BIM

Atteggiamenti verso il BIM

Viene richiesto agli intervistati come vedono l'adozione del BIM nel futuro. Il 73% risponde che vede nel BIM il futuro della progettazione e che proprio in quest'ottica c'è bisogno che i settori si dotino di oggetti BIM da fornire ai progettisti, in quanto al momento sembra che ci sia una mancanza in tal senso. Si denota quindi una continuità di pensiero rispetto agli anni scorsi.
Si è poi cercato di capire dove sta la differenza tra chi adotta il BIM e chi non lo fa: sono state effettuate delle interviste da cui è emerso che, in entrambi i casi, gli intervistati si trovano d'accordo con percentuali molto alte nell'affermare che il BIM comporta un cambiamento del flusso di lavoro, delle pratiche e delle procedure (92% Agree User e 91% Agree Non-user).
Numerosi Non-users del BIM affermano che se non lo adotteranno saranno "lasciati indietro" (55%), mentre molti esitano ad adottarlo perché è "troppo costoso" (50%).
Dall'altra parte, chi ha adottato il BIM afferma che averlo fatto ha recato competitività e vantaggi all'impresa (64%).

Opinioni sull'adozione del BIM